Stai leggendo

di camerette e di ingredienti di design

di camerette e di ingredienti di design

 

Quelli di Gruppo Tomasella li ho conosciuti da vicino, vicinissimo, qualche tempo fa.

A far da tramite si è prestata la bella Kalista che, a quanto pare, continua a trovarsi molto bene a casa mia. E’ lì in ingresso, accanto alla porta (dopo tanto vagabondare di stanza in stanza, di angolo in angolo, pare abbia finalmente trovato pace), e saluta ogni giorno la mia uscita mattutina con i bimbi, riservando a tutti noi lo stesso colore e la stessa allegria al rientro nel tardo pomeriggio.

E così, quando mi è stato chiesto di dare un’occhiata ad altri prodotti della stessa azienda di Brugnera, Pordenone, non ho esitato nemmeno un momento e, dritta dritta, sono filata sulle pagine del sito web. Stavolta – ve lo dico chiaro e tondo – Kalista non c’entra nulla; parliamo invece di camerette per ragazzi.

di camerette e di ingredienti di design

Un argomento che – rifletto tra me e me – mi interesserà direttamente tra qualche anno, quando i miei due piccoli, ancora in età da primissima elementare e da asilo, chiederanno a gran voce uno spazio domestico adatto alle loro esigenze: studiare, intrattenersi con gli amici, leggere, fantasticare e, forse, anche annoiarsi e starsene appartati dal mondo per un po’.

Sfoglio e sfoglio le infinite risorse della rete e, infine, mi imbatto nella composizione T21 della collezione Tommy Young. Già il nome mi piace, dinamico, fresco e facile da ricordare. Continuo poi ad apprezzare molto l’accostamento bilanciato e luminoso di colore e neutro, di tradizionale e metropolitano.

Il grigio, declinato nella sua variante materica beton, è il compagno perfetto per la morbidezza dei tessuti imbottiti che qui sono di un rosa antico che non ha niente a che fare con quello chiassoso che, troppo spesso, definisce lo stile da ragazza. Uno (il grigio) chiama l’altra (la morbidezza) e, insieme, sembrano poter dar vita alla risposta perfetta a quelle esigenze delle quali vi dicevo sopra: studio, gioco, riposo.

Penso che, a questo punto, la cosa migliore da fare sia prendere la composizione T21 e farla virtualmente a pezzi. Niente di cruento, non abbiate paura. Semplicemente, come si fa con una ricetta, scomporla in quegli ingredienti che, sapientemente mescolati, la rendono unica e preziosa.

Iniziamo da lui, il principe della stanza, e proseguiamo poi con gli altri ingredienti di design.

il letto

di camerette e di ingredienti di design

Si chiama Amami e, per quanto mi riguarda, penso che mai nome sia stato più azzeccato per un letto. Qui è vestito di grigio e di bianco e, a discrezione, è possibile accessoriarlo di vano contenitore e di tasche laterali dove riporre lettere d’amore e libri preferiti. Cosa chiedere di più?

il comodino

di camerette e di ingredienti di design

E’ Athena e vive di dettagli eleganti, puliti, lineari. In questa logica imbriglia anche il colore e lo nasconde dove meno te lo aspetti: nella gola delle maniglie.

gli scaffali, i contenitori e le librerie

di camerette e di ingredienti di design

di camerette e di ingredienti di design

di camerette e di ingredienti di design

Sono Ciao, Tasca e Raster e, insieme, custodiscono quanto di più prezioso ci sia nella cameretta, ciascuno a suo modo. Ciao mettendosi in bella mostra e filtrando la luce dal centro della stanza, Tasca con discrezione e con la velleità di mostrarsi come la tela di un dipinto, Raster, invece, bene in evidenza: linee pure, essenziali, contro la parete.

il divano

di camerette e di ingredienti di design

Il mio pezzo preferito. Quello con cui giocherei all’infinito la sfida della personalizzazione e del trasformismo. L’ho già aggiunto alla mia shopping list: Flower.

il tavolino

di camerette e di ingredienti di design

Il passepartout per eccellenza; il tipo che sta bene con tutto e non annoia mai. Se mai, però, dovesse annoiare uno dei vostri figli che ce l’ha nella sua cameretta, non mancate di avvisarmi! Corro a prenderlo e lo ficco nel mio soggiorno, il mio amico Caruso.

lo scrittoio e la sedia

di camerette e di ingredienti di design

Così vicini, così lontani. Tiffany e Spillo. L’una piena e ricca quanto l’altro è esile e trasparente. Eppure sono inseparabili, anche nella composizione T21.

Home Style Blogs

Questo post fa parte della rubrica Home Style Blogs | Trends & Stories, dedicata agli outfit e alle ultime tendenze del design raccontate, per immagini e parole, dai blog della rete Home Style Blogs!

Nora


altri post per approfondire

INSTAGRAM
il mio mondo per immagini