tutto in una porta

 

tutto in una porta_porta Albed

Oggi sono un po’ in difficoltà con gli aggettivi. Prima di iniziare a scrivere di Albed, avevo in testa minimalista, pulito, essenziale. Poi, osservate con attenzione le immagini del nuovo showroom in centro a Milano, in via San Damiano 5, ho pensato anche a naturale, materico, caldo. Merito anche di Paolo Festa, penso, progettista e designer.

Credo quindi che, per raccontarvi qualcosa di questo marchio dell’azienda Delmonte di Nova Milanese, che nel 2014 ha compiuto ben cinquant’anni, userò entrambe le serie di aggettivi; gli calzano alla perfezione.

Per la prima è facilmente intuibile il motivo. Lo showroom, che rispecchia appieno il concept e la storia aziendale, è uno spazio ampio, luminoso e arioso, in cui i diversi elementi esposti concorrono, insieme alla luce – naturale e artificiale – a definire la fluidità e la pacata ricchezza delle superfici e dei volumi. Il bianco è uno dei protagonisti indiscussi e anche il vetro non scherza.

tutto in una porta_porta Albed

La seconda serie di aggettivi, invece, è insolita anche per me, associata ad Albed.

E’ bastata un’occhiata alla Porta D+ e al suo pannello in StoneOak®, però, a spazzare via le ultime incertezze e a farmi apparire chiarissimo il legame della produzione dell’azienda con la ricerca delle materie prime naturali migliori.

tutto in una porta_porta Albed

In questo caso un legno nobilitato dal lungo, lunghissimo contatto con strati e strati di argilla, sotto i quali è invecchiato e ha potuto assorbire alcune proprietà dei minerali: colore, resistenza, spessore visivo e di grana superficiale. Una sorta di legno fossile rinato alla nuova vita di porta, ben milleseicento anni dopo il suo essere foresta, viva e alla piena luce del sole.

Una materia con una storia davvero affascinante alle spalle.

La pulizia e la versatilità del design della D+, invece, arrivano dalla lunga esperienza di Albed nella lavorazione dell’alluminio e del legno e nello studio di prodotti su misura per il settore living e contract: sistemi modulari, cabine armadio, pareti divisorie, librerie, mobili contenitori.

Non c’è traccia di decorazione o di superfluo e la porta è semplicemente ciò che deve essere: un varco / separazione tra due ambienti di estrema pulizia formale, discreto, elegante e perfettamente integrato con il suo intorno.

tutto in una porta_porta Albed

Un pannello, una maniglia lineare, una cornice piatta e non invadente.

Come design blogger ve la racconto e, come architetto, vorrò di certo convincere i miei prossimi committenti a inserirla nelle loro case quando le richieste saranno di modernità, funzionalità, coerenza, pulizia formale. E made in Italy.

tutto in una porta_porta Albed

Oltre che in StoneOak® la D+ è disponibile in molte altre finiture e la sua versatilità può godere di un valore aggiunto: la facilità di posa e di manutenzione. Niente male per un prodotto che, in un’anta, riassume le qualità di un’azienda che fa la storia del design italiano da ormai mezzo secolo. Una vera porta Albed.

Nora


altri post per approfondire

INSTAGRAM
il mio mondo per immagini