outfit di tendenza e su misura per la casa
Stai leggendo

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work ne...

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
WEBLOGsaloni 2017 | io sarò in Fiera per Euroluce e Workplace3.0

Ho da tempo nel cassetto della scrivania un biglietto solo andata Roma Milano per il prossimo 3 aprile. Ancora non ho acquistato il ritorno perché, come ogni anno, con il Salone non si sa mai. Il calendario per la settimana del design dal 3 al 9 è ancora molto fluttuante e c’è chi, nel collettivo WEBLOG, si occupa di spostare appuntamenti e orari con precisione quasi chirurgica.

Organizzare la diretta social WEBLOGsaloni – quest’anno alla sua terza edizione – non è cosa semplice. Le realtà del Fuorisalone e della Fiera sono infatti molto complesse e variegate e il fatto di volerle raccontarle in modo corale, attraverso le diverse voci delle blogger del gruppo, se da una parte aiuta a digerire meglio la mole, dall’altra costringe a un continuo confronto e ad alcune sovrapposizioni.

Questo è il bello di lavorare con WEBLOG, che ha già all’attivo progetti bellissimi come WEBLOGcersaie, WEBLOGparigi e WEBLOGfinlandia. A proposito di quest’ultimo, vi segnalo che il 24 marzo (sì, è venerdì di questa settimana!) presenteremo il racconto del nostro book finlandese nel contesto di BeNordicl’evento che trasforma il centro di Milano in un angolo di Nord Europa.

L’appuntamento è alle 19 presso l’UniCredit Pavilion in piazza Gae Aulenti. Vi aspetto!

[le tre fotografie qui sotto sono di Davide Buscaglia per WEBLOG]

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017

Ma torniamo a WEBLOGsaloni e alla Milano Design Week. Come sarà organizzato il racconto corale che vi dicevo tra Fiera e Fuorisalone? Semplice (anche se non semplicissimo)! Ciascuna di noi blogger curerà la rassegna stampa e il live sui social da una zona del Fuorisalone o settore della Fiera.

In particolare saremo divise così:

Come sempre avremo il supporto giornalistico di Andrea per tutte le luci del Salone e del Fuorisalone, il supporto fotografico di Davide e il supporto morale/contabile di Samuele che se ne rimane tranquillo a casa!

Io sarò dunque in Fiera a partire dall’apertura prevista per il 4 aprile e avrò la compagnia di Elisabetta di MaisonLab. In particolare me ne andrò a spasso per i 4 + 2 padiglioni dedicati rispettivamente a Euroluce (il 9, l’11, il 13 e il 15) e a Workplace3.0 (il 22 e il 24, con una porzione occupata dal Salone Satellite).

Ora vi racconto un po’ cosa c’è di bello in programma…

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
La planimetria della Fiera dal 4 al 9 aprile | Euroluce e Workplace3.0 occupano 6 padiglioni in totale
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
la conferenza stampa di presentazione del Salone del Mobile | fotografia Salone del Mobile. Milano

Euroluce

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Euroluce | alcune immagini dell'edizione 2015

4 padiglioni, 454 espositori, più di 39.000 metri quadri a disposizione delle novità in fatto di luce. Questi sono i numeri di Euroluce, il Salone Internazionale dell’Illuminazione che fa la sua comparsa in Fiera, in parallelo con le altre esposizioni tematiche dedicate al design, solo negli anni dispari.

Quella di questo 2017 è l’edizione numero ventinove e ho letto in giro che saranno due i filoni ideologici di ispirazione per la maggior parte degli espositori: innovazione tecnologica e sartorialità progettuale.

Inizio dalla sartorialità perché, anche grazie a osservazioni fatte recentemente con le mie colleghe in merito a novità presentate a ISH Francoforte per il settore bagno, è una tendenza che sento molto vicina.

D’altra parte non potrebbe essere diversamente, visto che il mio blog si chiama proprio design outfit e, con le sue pagine, cerco di costruire abiti di design su misura per ogni persona e ogni ambiente della casa…

I punti chiave di questa illuminazione sartoriale che verrà presentata a Euroluce sono:

  • presentare progetti complessi che abbiano come obiettivo il miglioramento della qualità della vita della persona (e questo piacerà anche alla mia amica e collega Laura di Home Refresh, attenta da sempre alla tematica del benessere);
  • ricercare un equilibrio armonico tra la funzione e l’emozione che scaturisce da una lampada.
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017

L’aspetto tecnologico è invece quello un po’ più ostico per me (e invece appassiona Samuele, il progettista d’impianti di WEBLOG!). Il mio approccio alle innovazioni in questo senso non riesce a prescindere dalla valutazione del puro impatto estetico.

Me n’ero già accorta l’anno scorso a Maison et Objet quando ho riempito la scheda SD della mia reflex con tanti scatti dell’allestimento di BlackBody, azienda francese specializzata in sistemi di illuminazione con tecnologia OLED (ne vedete uno qui sotto).

Mi incuriosisce molto, però, una nota presente nel comunicato stampa di Euroluce, riferita alla possibilità di gestire in modalità wireless l’illuminazione di spazi domestici e pubblici. Penso subito al legame sempre più forte tra interno ed esterno delle abitazioni (e ne avevo parlato qui sul blog o qui, ospite sul magazine Ragno) o, anche, alla commistione funzionale tra casa e ufficio (cosa che mi permette di passare a parlarvi di Workplace3.0).

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
BlackBody OLED a Maison et Objet, gennaio 2016

Workplace3.0

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Cristiana Cutrona, curatrice dell'installazione A Joyful Sense at Work a Workplace3.0

Qui sopra vedete il viso sorridente di Cristiana Cutrona, architetto (o architetta, come dice Architempore) milanese classe 1967. E’ lei, come studio Revalue, a curare quest’anno l’installazione tematica A Joyful Sense at Work nel contesto di Workplace3.0.

Confesso di essere molto curiosa rispetto alla visita dell’installazione. Potrebbe essere uno dei primi spazi che visiterò, a pensarci bene, per avere la possibilità di gustarlo in anticipo rispetto alla grande massa di pubblico attesa al Salone.

Nel comunicato stampa leggo che il concept ideato da Revalue si basa sulla considerazione che l’attività lavorativa e professionale del futuro deve dare senso a cose e relazioni, generare una nuova qualità di vita, produrre emozioni e felicità. Applicare questo approccio umanistico e antropologico al progetto ufficio significa rispondere ai bisogni reali dell’uomo di oggi.

Capisco che anche qui, come già per Euroluce, parliamo di sartorialità, di commistione funzionale e di equilibrio tra funzione ed emozione generata dall’oggetto.

L’installazione, che coprirà una superficie di circa 1.600 metri quadrati all’interno dei padiglioni occupati da Workplace3.0, è concepita come una piazza che nasce dall’intersezione tra quattro aree o regioni diverse: l’area della Concentrazione, l’area della Collaborazione, l’area della Creatività e l’area della Socializzazione.

Dopo aver visitato lo studio JKMM a Helsinki durante il blogger tour WEBLOGfinlandia, posso dire che nel Nord Europa questa organizzazione spaziale, che nasce da ragioni progettuali precise e attuali, trova già la sua realizzazione concreta.

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Studio JKMM a Helsinki, fotografato da Davide Buscaglia durante il blogger tour WEBLOGfinlandia

All’interno di A Joyful Sense at Work nel contesto di Workplace3.0, quattro studi di architettura internazionali sono stati chiamati a dire la loro attraverso un’installazione nell’installazione. Di seguito un assaggio dei progetti che vi racconterò live a partire dal 4 aprile.

Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Alfonso Femia | Studio 5+1AA
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Ben van Berkel | UNStudio
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Arash Ahmadi | Ahmadi Studio
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Jeff Povlo | SCAPE
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Verda Alexander | O+A Studio
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Primo Orpilla | O+A Studio
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Workplace3.0 | A Joyful Sense at Work | Chronotopic System | Studio 5+1AA
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Workplace3.0 | A Joyful Sense at Work | spazio di lavoro ispirato al giardino persiano e al bazar | Ahmadi Studio
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Workplace3.0 | A Joyful Sense at Work | The Water Cooler | Studio O+A
Workplace3.0, Euroluce e A Joyful Sense at Work nel racconto di WEBLOGsaloni 2017
Workplace3.0 | A Joyful Sense at Work | RESET - Responsive Transformation | UNStudio + SCAPE

Segui la Milano Design Week con #WEBLOGsaloni!

Nora


altri post per approfondire

INSTAGRAM