pattern tra gioco e geometria

 

tra gioco e geometria

Non ho mai scritto un post senza avere così pochi elementi. Di Ophelia Pang, l’illustratrice di cui vi mostro oggi alcuni lavori, so solo – e un po’ a stento – che è di Hong Kong. Stop. Ho cercato notizie su di lei in lungo e in largo, per la rete, e non ho trovato che altri scarni articoli – proprio come lo è il mio – che la raccontano per sole immagini.

Ha un profilo pinterest e un blog e anche lì, com’è ovvio, solo immagini. D’altra parte cosa avrei dovuto aspettarmi da una che, per descriversi dice I’d rather speak in colors and shapes?

Meglio così, forse. Per una volta me ne sto un po’ zitta e vi lascio assaporare forme, geometria e accostamenti di colore che, di volta in volta, delineano figure, ricordi, ispirazioni.

tra gioco e geometria

Un agglomerato di case scomposto nelle sue superfici elementari

tra gioco e geometria

Un pattern intessuto su una griglia frammentata

tra gioco e geometria

Negativi e positivi di portali stilizzati

tra gioco e geometria

Pezzi che troveresti in una scatola di giochi in legno

tra gioco e geometria

Il layout di un quotidiano che diventa pattern in scale di grigi

tra gioco e geometria

Tracce di percorsi rettilinei

tra gioco e geometria

Una superficie piana scomposta in triangoli e rombi

tra gioco e geometria

Vele ammassate in colori e forme

tra gioco e geometria

Essenza di iceberg

Se incontrassi un’illustrazione di Ophelia fuori contesto, assocerei senz’altro il suo lavoro a un contesto europeo. Saperla orientale mi fa riflettere su quanto la capacità di astrazione geometrica possa essere la matrice di un linguaggio trasversale, che unisce culture diverse, lontanissime.

Non vedo in queste immagini nulla in contrasto con, ad esempio, un pattern Marimekko. Quando poi ho scoperto che alcune sono state usate come matrici per la produzione di tessuti destinati all’arredamento (cuscini, plaid, tappeti), anche il minimo dubbio in proposito si è volatilizzato.

Salvo poi indagare sulla formazione di Ophelia che magari, per studio, se ne è andata vagando per le scuole di mezza Europa o addirittura oltreoceano. Mi piacerebbe davvero scoprirlo. Voi ne sapete qualcosa?

Nora


altri post per approfondire

INSTAGRAM
il mio mondo per immagini