Stai leggendo

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio l...

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

cucina sotto finestra | progetto Scott Posno Design | fotografia silentSama architectural photography via contemporist

Sembra che le finestre siano un nodo cruciale della progettazione degli spazi interni per tanti di voi che leggono queste pagine. Uno degli articoli più popolari riguarda l’annoso problema della finestra nella doccia e non credo sia un caso.

Oggi parliamo sempre di finestre ma, invece che sistemare a dovere sanitari e rivestimenti del bagno, ci spostiamo in uno degli ambienti più vissuti della casa: la cucina.

Mi capita di discutere con i miei committenti una soluzione che viene spesso criticata perché ritenuta poco funzionale e non in linea con la tradizione italiana: quella del lavello o del piano di lavoro posto subito al di sotto del davanzale.

Questa soluzione è ampiamente sdoganata nelle case scandinave e di oltreoceano. Provate a digitare su pinterest la chiave di ricerca kitchen window e scoprirete subito che quello che vi dico corrisponde alla realtà.

Esistono tanti modi diversi di sfruttare al meglio lo spazio al di sotto o di fronte alla finestra della cucina e non è detto che dobbiate per forza combattere con l’interferenza tra il miscelatore e l’apertura a battente!

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

Qui di seguito vediamo insieme alcuni trucchi progettuali per conciliare illuminazione naturale e funzionalità della cucina, prendendo in considerazione anche l’opportunità di cedere alla bellezza del gesto di lavare le stoviglie guardando al di là del vetro.

cucina sotto finestra | anta unica, fissa o apribile

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

cucina sotto finestra | anta unica, fissa o apribile | progetto Arturo Montanelli | fotografia Toni Meneguzzo via Divisare

Partiamo dalla situazione più semplice: una finestra ad anta unica, fissa o apribile a battente o con altro sistema. Se la vostra cucina ricade in questo caso potete procedere in due modi:

  • collocate senza paura il lavello proprio sotto la finestra, tenendo conto che in commercio esistono miscelatori reclinabili studiati appositamente per risolvere l’interferenza tra il miscelatore stesso e l’apertura della finestra;
  • fate correre il piano di lavoro appena al di sotto del davanzale o, se c’è la possibilità di definire quest’ultimo con lo stesso materiale del piano stesso, in perfetta continuità.

cucina sotto finestra | soluzione salvaspazio con apertura a libro

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

cucina sotto finestra | soluzione salvaspazio con apertura a libro | fotografia Gert Skærlund Andersen via BO BEDRE

Se la finestra in cucina è abbastanza ampia, potete valutare una soluzione salvaspazio che è anche flessibile e, specie nella bella stagione, vi consente di mettere in diretta comunicazione l’interno e l’esterno della casa.

Sto parlando delle finestre con apertura a libro che, se da chiuse costituiscono un unico sistema vetrato ripartito in più ante, da aperte si riducono a un pacchetto da radunare su uno dei lati (o su entrambi, dipende dall’ampiezza della finestra) e diventano praticamente invisibili.

Se la vostra cucina si affaccia sul giardino, sul terrazzo o sul balcone, il sistema di apertura a libro con piano di lavoro sottostante può diventare una sorta di vano passavivande comodo per portare fuori cibi e stoviglie e allestire velocemente il pranzo all’aperto.

cucina sotto finestra | spazio per una panca

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

cucina sotto finestra | spazio per una panca | immagine via CAFElab

Se siete acerrimi nemici del lavello sotto finestra, ho una soluzione che fa per voi. Proprio lì, invece dei mobili cucina veri e propri, può andarci a finire una panca.

La panca è un elemento d’arredo davvero versatile e utile e può funzionare in vari modi: come spazio supplementare per raccogliere libri e oggetti, come seduta d’emergenza per ospiti improvvisi (basta accostare il tavolo e il gioco è fatto!), come piano dove appoggiare fiori e piante bisognosi di aria e luce.

Vorrei avere una finestra così in cucina solo per poter ospitare una panca, lo confesso.

cucina sotto finestra | apertura a vasistas

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

cucina sotto finestra | apertura a vasistas | immagine via

Rispetto alla situazione precedente, può darsi che nella vostra cucina la finestra sia molto ampia ma si sviluppi anche in altezza, oltre che in lunghezza.

Se è così, meglio optare per un sistema di apertura delle ante a vasistas, in modo da poter lasciare aperte le finestre, anche alternate, per il tempo necessario ad aerare la cucina dopo cotture impegnative e quando la cappa non sembra sufficiente a far tornare l’ambiente fresco e libero da odori.

Inutile dire che nell’immagine, oltre all’apertura a vasistas, guardo con occhi a cuore anche la partitura degli infissi e il loro colore nero.

Sapete che è possibile realizzarli così anche in PVC? Sono disponibili in commercio tutti i colori della mazzetta RAL e questo può dare un solo effetto indesiderato: l’impossibilità di scegliere la soluzione definitiva!

cucina sotto finestra | finestra con vetri all’inglese

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

cucina sotto finestra | finestra con vetri all’inglese | immagine via

Piano di lavoro in legno + vetri all’inglese = vero amore.

Se siete d’accordo con me, vi voglio subito chini a disegnare un angolo della vostra nuova cucina proprio come questo nell’immagine.

L’effetto vissuto, vagamente vintage, è da sottolineare con: illuminazione con lampadine nude, rivestimenti in elementi di ceramica bianca 10 x 20 cm (preferibilmente diamantati) e un’abbondanza di ciotole, cesti e vasi tutti rigorosamente diversi come materiali e dimensioni.

cucina sotto finestra | piante aromatiche davanti alla vetrata

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

cucina sotto finestra | piante aromatiche davanti alla vetrata | immagine via Ikea

Oltre allo spazio sotto la finestra è possibile sfruttare a fini decorativi e funzionali anche l’anta vetrata? La risposta è sì, a patto di scegliere bene elementi e sistemi.

Quelli che mi convincono di più – e spero che siate d’accordo – sono sospesi e contengono in prevalenza piante aromatiche proprio ad uso della cucina.

È importante non strafare e non saturare ogni centimetro quadrato del vetro con vasi, mensole e contenitori per consentire alla luce di filtrare attraverso il verde.

Questa soluzione è perfetta per chi, oltre ad avere il pollice verde, ha in cucina delle finestre scorrevoli, in grado di limitare lo spazio necessario all’apertura e non interferire con gli elementi sospesi.

cucina sotto finestra | come sfruttare al meglio lo spazio

immagine via

Nora


altri post per approfondire

INSTAGRAM
il mio mondo per immagini