libri per decorare

 

libri per decorare

Conoscendomi, so che non arriverò mai a un ordinato disordine – pacato, elegante, affascinante – che possa neanche lontanamente avvicinarsi a quello dello studio / abitazione di Ann Stephenson (Aesthetic Movement)e Lori Scacco (Donzella 20th Century) nell’East Village newyorkese (fotografia Genevieve Garruppo; styling Kaylei McGaw, Lonny Magazine).

Il perfetto equilibrio fra arredi scrostati, accessori da rigattiere, stampe a motivi floreali, vecchi cappelli, tappeti consunti mi sembra inarrivabile e, quel che è peggio, include pile di libri in apparente ma studiatissima posizione casuale: libri che più che da leggere sono libri per decorareAlcuni dorsi richiamano addirittura il caldo colore dorato del parquet e questa perfezione mi sembra una vera e propria provocazione verso chi, come me, ha i libri in soggiorno disposti in doppia fila su semplici moduli di libreria Ikea.

libri per decorare

Il passo successivo per me, prima di tentare la via del bohemian chic, potrebbe essere pensare a un sistema componibile come Stacked di Muuto (immagine via Vogue Living): molti gradi di libertà e combinazioni che non finirei mai di provare e riprovare. Inoltre mi permetterebbe di muovere i primi passi verso l’ordinato disordine mantenendo comunque dei confini ed evitandomi la paura del vuoto al di là del limite del ripiano (l’unico mondo che per ora conosco in casa mia).

libri per decorare

Un salto ancora in avanti (immagine via Elle Decoration) e piomberei nella serena accettazione dei libri in verticale accostati a quelli in orizzontale, con in mezzo un bel po’ di contaminazioni (anche una bella pianta verde reduce da qualche esperimento degli Urban Jungle Bloggers!).

La panca bassa vintage è già molto nelle mie corde, anche decontestualizzata e rivissuta grazie a una funzione diversa.

libri per decorare

In alternativa, la soluzione di procedere per layer non mi dispiacerebbe affatto. La utilizza la stylist Carla Aston per le fotografie di grande formato e le ruberei l’idea spendendola per i libri illustrati e gli atlanti che difficilmente trovano posto in librerie e scaffali modulari. Un modo per godersi ogni tanto anche la vista delle copertine, insomma.

libri per decorare

Ultimo step prima della resa alla pila fintamente disordinata dell’immagine di apertura del post? Semplice: la pila di libri, ma di piccola altezza, preferibilmente disposta in un angolo, come in questo appartamento di Copenhagen (immagine via Planete Deco).


design outfit & you | consulenza su misura

design outfit & you | consulenza su misura

design outfit & you è il servizio di consulenza su misura che, da design blogger,
mi fa tornare al mio vero lavoro: l’architetto.
Se pensi che la tua casa o anche una sola delle sue stanze abbia bisogno di un nuovo outfit,
puoi scrivermi a designoutfitblog [at] gmail.com o visitare la pagina dedicata al servizio!

Nora


altri post per approfondire

INSTAGRAM
il mio mondo per immagini