Stai leggendo

come tra i banchi di scuola

come tra i banchi di scuola

 

come tra i banchi di scuola

In realtà, alla parete verniciata lavagna, ci sono arrivata per risolvere un problema economico: acquistare ettari di carta per far disegnare i pargoli era diventato davvero troppo oneroso per le mie tasche semivuote di architetto / blogger.

In più, devo dirlo, ero un po’ stufa di finanziare, indirettamente, lo sviluppo di nuovi prodotti Ikea attraverso il mio contributo speso in decine di MÅLA.

Se non sapete cosa indichi questo misterioso vocabolo svedese, buon per voi. La vostra ignoranza indica: 1. che probabilmente non avete figli da far dilettare con l’arte del disegno astratto; 2. che non contribuite / avete contribuito, in maniera massiva, al dilagante inquinamento del nostro pianeta; 3. che la vostra macchina non è attrezzata con le barre adatte a trasportare i famigerati pacchi piatti, effigi del mobile in kit scandinavo.

Ebbene la pittura lavagna, che vedevo man mano rivestire le pareti di locali mangerecci di ultima generazione e, magari, qualche soggiorno / angolo cottura di amici à la page, nostalgici dei bistrot parigini, è entrata in casa mia a scopo risparmioso e poi, come era inevitabile che fosse, è stato nient’altro che vero amore.

Alla superficie opaca grigio antracite, che occupa una porzione di parete del mio studio domestico, faccio quasi fatica, ormai, a far accedere i miei bimbi muniti delle loro scatole personali di gessetti. Ho paura che mi rovinino la mia intricata opera artistica, in continuo divenire, intessuta su una trama di appunti frettolosi, numeri di telefono scribacchiati alla cornetta, idee per le pagine del blog, liste della spesa abbozzate e poi – purtroppo – sempre dimenticate.

Le mie affezionate liste – che sempre sono gran motivo di divertimento per l’amica Maria Teresa (La bloggastorie! Correte a leggerla!) – hanno infatti da qualche tempo quasi abbandonato il loro tradizionale sfondo di quaderno a quadretti e sono costruite, bianco su nero, sulla superficie scolastica della lavagna.

Il loro contenuto nasce già consapevole, nelle mani di chi scrive, di una labilità e temporaneità circoscritta all’uso e al tempo immediatamente precedente la cancellatura e successiva sovrascrittura.

A meno che una spugnetta inumidita, passata con gesti misurati e distesi, non asporti del tutto parole e numeri, qualche traccia di passato fa, suo malgrado, sempre capolino e sta lì a ricordarti giorni trascorsi in fila alle poste (dovevi ricordarti la scadenza del bollettino!), alla cassa del supermercato, in piscina con tuo figlio (portare il certificato medico!).

Seduta alla scrivania del mio studio, guardo la parete alla mia destra e sorrido. Sulla lavagna c’è la mia vita di piccole cose.

A quanto pare, però, non sono sola nel mio amore per un colore e una superficie che, d’un balzo, ci riportano tra i banchi di scuola. Ecco qui una selezione d’immagini che, spero, vi sarà d’ispirazione e vi convincerà a prendere in mano pennello e scotch (da mascheramento! E’ indispensabile) e a dar vita alla vostra lavagna.

pinterest inspiration

Ho scritto questo post grazie all’indispensabile ispirazione che mi arriva dalle immagini che raccolgo e catalogo nella bacheca pinterest inspiration_materials. Seguitela!


design outfit & you | consulenza su misura

design outfit & you | consulenza su misura

design outfit & you è il servizio di consulenza su misura che, da design blogger,
mi fa tornare al mio vero lavoro: l’architetto.
Se pensi che la tua casa o anche una sola delle sue stanze abbia bisogno di un nuovo outfit,
puoi scrivermi a designoutfitblog [at] gmail.com o visitare la pagina dedicata al servizio!

Nora


altri post per approfondire

INSTAGRAM
il mio mondo per immagini