Stai leggendo

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a st...

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

vestirsi a strati, la regola fondamentale da seguire in autunno

Già sono una che ama stare in casa, figuriamoci in autunno.

Quando arriva il primo freddo, le foglie ingialliscono e la luce del sole fa qualche passo indietro sulle ore del giorno, il mio desiderio di vivere una casa calda e comoda cresce a dismisura. Per assecondarlo mi metto addirittura a pulirla più del solito, facendo spazio a quella sensazione di accoglienza che tanto desidero.

Riordino, lavo accuratamente i tessuti più leggeri ed estivi che vestono i letti, il divano e la poltrona e, con grandissima gioia, tiro fuori dall’armadio della biancheria trapunte leggere, sottili coperte di lana e nuove fodere per i cuscini, dalle fantasie più adatte alla nuova stagione.

Passo in erboristeria per le tisane e in libreria per la scorta di letture e sono a posto.

vestirsi a strati ovvero: mai fidarsi delle previsioni meteo

Condivido però con tutti voi il dramma stagionale che, per semplicità, si può tradurre con la domanda:

ma come mi vesto?

Di prima mattina fa freddo, verso le 11 si muore di caldo, all’ora di pranzo si soffoca e nel pomeriggio, invece, il vento tradisce collo e braccia scoperte. L’armadio sembra non contenere risposte immediate e univoche e così, seguendo il sempre valido consiglio della nonna, faccio quello che ho sempre fatto nelle mezze stagioni: mi vesto a strati.

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

vestirsi a strati = vestire la casa a strati

L’unico inconveniente della scelta è che, quando mi ritrovo in maglietta per assecondare una temperatura esterna di oltre 25°, ho in borsa una tale quantità di cardigan, sciarpe e maglie da poter simulare una partenza al volo. Avrei tutto l’occorrente per vestirmi almeno per una settimana, penso.

Fa niente. La nonna ha sempre ragione. Forse, però, non pensava che il suo dictat vestirsi a strati potesse essere applicato con successo anche alla casa. Io ci ho provato, invece, e vi dico subito com’è andata.

vestire la casa a strati, uno per volta: il primo è il più importante

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

vestire la casa a strati | il tappeto nepalese in palline di feltro

Non credo aver camminato mai a piedi nudi su una superficie più piacevole: morbida ma compatta, non troppo calda, liscia ma organizzata secondo una texture ben precisa (a proposito di texture: seguite su instagram il profilo allyoucantexture della mia amica Carlotta!).

Il primo strato è il tappeto nepalese di palline di feltro di Sukhi. Se te ne vai in Nepal e, alla prima persona che incontri dici sukhi, di certo le strapperai un sorriso. Vuol dire felice.

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

per realizzare ciascun tappeto è necessario lavorare centinaia di palline

Sukhi vende tappeti rapportandosi direttamente con realtà locali artigianali in vari paesi del mondo: non solo il Nepal, ma anche il Marocco (conoscete i bellissimi tappeti Beni Ourain? Anche Elisabetta di ITALIANBARK ne ha uno), l’India e la Turchia. Non esistono intermediari e questo porta tre vantaggi principali:

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

  • per il cliente finale > si abbattono i costi, garantendo un risparmio sull’acquisto online del prodotto intorno al 60%
  • per gli artigiani > il compenso è equo e le condizioni di lavoro sono ottimali, sostenute da un percorso di formazione continuo e da un dialogo costante con l’azienda durante l’intero processo produttivo
  • per entrambi > il progetto Sukhi regala felicità. Le cose belle fatte bene regalano felicità

 

Un altro aspetto interessante è che, dato che parliamo di prodotti artigianali, la progettazione su misura fa già parte del prodotto, senza neanche bisogno di inserirla come un di più (come sempre avviene nel caso delle realtà che producono a larga scala e in modo piuttosto impersonale, svincolato dai reali desideri del cliente finale).

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

Il tappeto, realizzato con palline di feltro nei colori bianco e azzurro cielo, è arrivato a casa mia qualche settimana fa, dopo essere stato lavorato dalle mani pazienti di Maya Rai.

Le ho scritto una mail per ringraziarla del suo bellissimo e prezioso lavoro. So che il suo tappeto rimarrà qui con me per tantissimo tempo e volevo che lo sapesse.

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

vestire a strati la casa: tutti gli altri strati (fino a quelli per i più freddolosi)

il secondo: una coperta in cotone

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

il terzo: un cuscino con la fodera di cotone (sfoderabile e lavabile)

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

il quarto: una coperta leggera di lana intrecciata

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

il quinto: un cuscino con la fodera in lana

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

il sesto e il settimo: per veri freddolosi (guardate e scoprite perché)

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

autunno | vestirsi a strati = vestire la casa a strati

Nora


altri post per approfondire

INSTAGRAM
il mio mondo per immagini