Elios Ceramica, Deco Anthology: piastrelle tradizionali in versione gres

Elios Ceramica, Deco Anthology: piastrelle tradizionali in versione gres

Alcuni giorni fa abbiamo parlato di bagno classico rivisto in chiave contemporanea, esplorando le novità proposte da Devon&Devon allo scorso Cersaie (sono passati quasi due mesi dalla fiera e ancora non ho finito di raccontarvi tutto! Mi sembra incredibile!).

Oggi rimaniamo in tema, ma spostiamo leggermente l’obiettivo concentrandoci su qualcosa di specifico: il gres da pavimento e rivestimento che, facendo tesoro dell’eredità del passato, reinterpreta le piastrelle tradizionali.

Tutto questo, in sole due parole, può essere tradotto in Deco Anthology, una delle sette nuove collezioni con le quali Elios Ceramica festeggia il suo cinquantesimo compleanno proprio in occasione della fiera bolognese dedicata alla ceramica e all’arredo – bagno.

L’azienda emiliana, infatti, venne fondata nel 1968 a Castelvetro, a pochi chilometri da Sassuolo ma in stretto collegamento ideale anche con Imola, dove alcuni mesi fa ho potuto visitare il meraviglioso showroom de La Fabbrica e di AVA.

Torniamo però al tema del giorno e vediamo la collezione Deco Anthology nel dettaglio. Prometto che, scorrendo il post, resterete con gli occhi a cuore per tutto il tempo ❤

Da vera nerd quale sono ho pensato di fare così:

  • ho rintracciato le 4 diverse ispirazioni alla base della collezione: il Liberty, l’Art Déco, i disegni della tradizione nordica e quelli orientali e nordafricani
  • ho associato a ciascuna alcune immagini di riferimento e alcuni elementi di Deco Anthology

Vediamo insieme cosa è venuto fuori da questo lavoro?

Deco Anthology, una nuova collezione di piastrelle in gres profondamente legata alla tradizione

piastrelle tradizionali a ispirazione Liberty

Prima di iniziare, una domanda: ma voi sapete la differenza tra Liberty e Art Déco? Uhm, forse è meglio scrivere due righe qui, così evitiamo di fare confusione.

> Liberty = non è che un altro nome per definire l’Art Nouveau o stile floreale, strettamente connesso al movimento inglese Arts and Crafts e associato alla figura di Henry van de Velde (nome che ritroverete in uno dei prossimi articoli sul blog dedicati al centenario della scuola del Bauhaus) e di Victor Horta. La natura è al centro dell’ispirazione Art Nouveau, insieme all’esaltazione dell’importanza della produzione artigianale e alla ricerca di una decorazione organica, morbida e articolata

> Art Déco = il nome deriva dall’Exposition Internationale des Arts Décoratifs et Industriels Modernes, tenutasi a Parigi nel 1925 e l’ispirazione – a differenza di quello che avviene per l’Art Nouveau – è profondamente legata alla modernità, con l’uso di materiali come l’alluminio, l’acciaio inossidabile, la lacca e il legno intarsiato, e di decori a zigzag o a scacchi, a V e a raggi solari (avete presente la guglia del Chrysler Building a New York? Ecco, quella è Art Déco, così come le ambientazioni de Il Grande Gatsby che sicuramente avrete visto al cinema o in TV!)

Ecco, spero che ora sia tutto più chiaro 🙂

Iniziamo a immergerci nel Liberty con alcune immagini d’ispirazione.

riferimento Deco Anthology > decoro Original A in versione white o black

Elios Ceramica, Deco Anthology: piastrelle tradizionali in versione gres

Elios Ceramica, collezione Deco Anthology, decoro Original A di ispirazione Liberty

piastrelle tradizionali in stile Art Déco

Come abbiamo detto qualche riga fa, Art Déco vuol dire modernità e interpretazione del decoro come un intreccio di geometrie ben riconoscibili. Ecco qui di seguito cosa ho trovato per darvi un’idea precisa di quello a cui mi riferisco.

Elios Ceramica, Deco Anthology: piastrelle tradizionali in versione gres

riferimento Deco Anthology > decoro Original D in versione grey o taupe

Elios Ceramica, Deco Anthology: piastrelle tradizionali in versione gres

Elios Ceramica, collezione Deco Anthology, decoro Original D di ispirazione Art Déco

disegni nordici e piastrelle tradizionali made in Italy

Come sapete, io con il Nord Europa ho un legame speciale. Gli interni scandinavi, in particolare, hanno, a dispetto del clima, un calore del tutto particolare, che viene ricreato attraverso alcuni accorgimenti progettuali specifici:

  • l’uso di materiali naturali come il legno, scelto soprattutto nelle sue essenze più chiare e luminose (anche se ora non faccio fatica a trovare alcuni interni nordici con pavimenti in parquet piuttosto scuri, bellissimi)
  • l’attenta calibrazione dell’apporto di luce naturale che, anche se diffusa e non sempre presente nell’arco della giornata e nei mesi autunnali e invernali, riveste un ruolo importante nella percezione della grana e del colore delle superfici
  • la geometria che, se nel caso degli arredi è combinata con la funzionalità, nel settore decorazione definisce invece pattern tra il rigoroso e il giocoso, di chiara impronta domestica

riferimento Deco Anthology > decoro Nordic B e Nordic C

Elios Ceramica, Deco Anthology: piastrelle tradizionali in versione gres

Elios Ceramica, collezione Deco Anthology, decoro Nordic B e Nordic C di ispirazione nordica

piastrelle tradizionali di ispirazione orientale e nordafricana

Non so se lo sapete, ma i paesi del Nord Africa hanno una grande tradizione in fatto di piastrelle, ceramiche e cementine in particolare. Molti dei disegni geometrici che siamo abituati a vedere riproposti a scopo decorativo negli interni di case o di spazi aperti al pubblico derivano in realtà da questo legame ispirazionale esotico, che ha radici profondissime nel territorio e nella tradizione locale.

riferimento Deco Anthology > decoro Etnic

Elios Ceramica, Deco Anthology: piastrelle tradizionali in versione gres

Elios Ceramica, collezione Deco Anthology, decoro Etnic di ispirazione orientale e nordafricana

Eccoci con il quadro delle quattro ispirazioni completo.

Prima di lasciarvi, una piccola galleria di immagini scattate da Elios a Cersaie.

[articolo realizzato in collaborazione con Elios Ceramica]