Stai leggendo

pianificare un viaggio: 3 cose indispensabili per ...

pianificare un viaggio: 3 cose indispensabili per un perfetto fai da te

pianificare un viaggio: 3 cose indispensabili per un perfetto fai da te

pianificare un viaggio: 3 cose indispensabili per un perfetto fai da te

È fatta. Ormai è deciso.

Con un anticipo incredibile e insperabile per le abitudini di famiglia oggi, 25 luglio 2018, in casa siamo già al corrente di un fatto importante: a inizio agosto partiremo per un tour on the road che ci porterà da Roma a Barcellona, snodandosi per una serie di tappe.

La definizione di queste ultime è arrivata ponderando attentamente tre necessità:

  • visitare posti interessanti dal punto di vista storico – architettonico
  • lasciare un po’ di spazio al mare, al sole e al relax (questo sento che è meritatissimo!)
  • tenere conto delle esigenze dei miei due piccoli viaggiatori che, anche se per fortuna non soffrono gli spostamenti in macchina, non possono rimanerci chiusi dentro troppo a lungo. Non sarebbe una vacanza, altrimenti!

 

Prima di elencarvi le tappe, torno un momento sulla pagina www.helloprint.it. Qui sto pescando alcune cose che vi mostro più avanti e che, per vari motivi, sono indispensabili per pianificare un viaggio. Un attimo e torno da voi. 🙂

[ pausa ]

pianificare un viaggio: 3 cose indispensabili per un perfetto fai da te

Torniamo alle tappe. L’elenco vi sembrerà infinito, ma posso assicurarvi che è il risultato di un’attenta valutazione di tutti gli aspetti legati al viaggio. Eccolo:

In Italia, con partenza da Roma:

  • Genova (l’Acquario, per grandi e piccoli, è una meta da non perdere)

 

In Francia:

  • Nizza (che si porta dietro una serie di piccole soste ad Antibes, Cannes e via dicendo)
  • Marsiglia (non posso mancare il Porto Vecchio né l’Unité d’Habitation di Le Corbusier)
  • Nîmes (l’Arena mi farà sentire un po’ a casa…)
  • Saint-Nazaire (mare mare mare)
  • Tarbes (di passaggio sui Pirenei per poi arrivare sull’Atlantico)

 

In Spagna:

  • Bilbao (al Guggenheim di Gehry ci siete mai stati?)
  • Saragozza (alla scoperta delle sovrapposizioni architettoniche)
  • Barcellona (non c’è bisogno di scrivere nulla)

 

Stiamo facendo di tutto per inserire due fermate ulteriori ad Avignone e a Carcassonne (che sono davvero imperdibili, a quanto ho letto in giro), ma vi faccio sapere più avanti se ci siamo riusciti o no.

Intanto ho pensato di fare qualcosa di utile: affiancare questo elenco di tappe con uno, dal risvolto super pratico, dedicato alle cose indispensabili da non dimenticare per progettare un viaggio fai da te perfetto. Lo condivido qui con voi ed è quasi inutile dire che mi aspetto in cambio qualche consiglio su posti imperdibili da visitare e dove mangiare/fare shopping. La mia mail è sempre la stessa, designoutfitblog@gmail.com, scrivetemi!

pianificare un viaggio perfetto in 3 mosse

1 | disegnare una mappa personalizzata con Google (m.p.s., mai.più.senza)

Da quando l’ho scoperta grazie a Elisabetta di MaisonLab (che ne ha fatta una bellissima e completa per Stoccolma), ho disegnato la mia mappa di Google per molti viaggi, in Italia e all’estero, che ho potuto fare per lavoro e per svago.

Vi assicuro che quando si è in giro in un posto nuovo e sembra impossibile pianificare con cura un percorso di visita, avere la propria mappa, completa di luoghi imperdibili e utility (parcheggi, servizi ecc.) è davvero rassicurante e pratico. Figuriamoci quando le tappe sono infinite e, soprattutto, ci sono alcune necessità specifiche legate ai bimbi!

La mappa che vedete qui sopra è assolutamente ancora un work in progress. Va bene aver deciso le tappe con anticipo rispetto al mio solito, ma non esageriamo! Sappiate che comunque Samuele (il mio compagno) ed io stiamo trascorrendo le nostre serate tra pc e guide di viaggio e litighiamo sempre. Sempre.

Per costruire la vostra mappa di viaggio non dovete fare altro che accedere sul web a My Maps e cliccare su Crea una nuova mappa. Poi tutto procede in modo abbastanza intuitivo, non preoccupatevi!

2 | va bene improvvisare, ma almeno dove dormire decidetelo prima

pianificare un viaggio: 3 cose indispensabili per un perfetto fai da te

Ormai, almeno attraverso blog e social, penso che mi conosciate un po’: sono una precisina maniaca dell’ordine e del pulitissimo design scandinavo ma, in quanto a gestione, sono un’eterna improvvisatrice.

Di solito, anche in viaggio, ho un piano di base, ma per i dettagli lascio sempre che sia l’istinto a guidarmi nelle scelte. So di essere discontinua e incostante e, a più di 40 anni, sono consapevole che imbrigliarmi in un programma troppo serrato sarebbe inutile. Non sarei mai capace di rispettarlo.

Con una certo orgoglio, però, posso dirvi che, per ciascuna delle tappe del nostro viaggio tra Italia, Francia e Spagna, ho già prenotato tutte le sistemazioni per la notte. L’impresa non è stata semplice né veloce e ha richiesto molte serate e alcuni weekend di pellegrinaggio virtuale tra i vari siti dedicati all’ospitalità: Airbnb, Booking, Trivago e… la lista è infinita!

Alla fine, per arrivare a un risultato concreto, ho fatto così:

  • ho stabilito un budget medio a notte (siamo in 4, 2 grandi e 2 piccoli, e al di sotto di una certa cifra non si può scendere)
  • ho impostato la ricerca tendendo fissi alcuni criteri: disponibilità, nelle strutture ricettive, di un parcheggio gratuito e di una bella colazione (sì, lo confesso, amo la colazione in hotel senza riserve)
  • ho messo dei paletti sulla qualità, a partire dalla valutazione delle recensioni dei clienti (ormai in rete sono facilissime da trovare, specie per le strutture ricettive più frequentate)

3 | pensare alla fase post vacanza, specie se avete un problema con le foto (cioè ne fate migliaia)

pianificare un viaggio: 3 cose indispensabili per un perfetto fai da te

All’inizio, se vi ricordate, avevo messo il post in pausa per qualche minuto. Ero intenta a esplorare alcune sezioni del sito di Helloprint, servizio di stampa online gestito da un team qualificato di ben 150 persone. Ora vi spiego perché.

Stavolta, contrariamente al solito, vorrei partire avendo già, al rientro a casa, un progetto ben definito per sfruttare al meglio le mille foto con le quali conto di intasare la SD della mia reflex digitale.

Mi sono accorta, infatti, di avere un archivio fotografico bello grande dei miei vari viaggi e, nonostante la sua qualità stia continuamente migliorando, so che non lo sto sfruttando bene come dovrei.

A parte la pubblicazione delle foto sui social (instagram in prima fila!), non penso mai a utilizzarle in un modo diverso, concreto; stampandole in qualche formato originale, ad esempio.

E così mi sono messa in testa una cosa: una volta a casa sceglierò uno dei formati di stampa proposti da Helloprint e trasformerò le mie foto in oggetti da vedere e, se possibile, utilizzare ogni giorno. Pensavo, ad esempio, a:

  • alcuni segnalibri personalizzati (in famiglia abbiamo preferenze diverse sui soggetti)
  • dei bloc-notes da utilizzare per futuri appunti di viaggio
  • delle brochure con le quali, ad esempio, potrei raccontare il viaggio in formato cartaceo, pubblicizzando la rubrica dedicata qui sul blog

 

Ci sto ancora pensando su, comunque. Più avanti vi faccio sapere cosa ho scelto. E arrivo anche con altri aggiornamenti sul viaggio, ho tante cose da raccontarvi! 😀

Nora


altri post per approfondire